Impedimenti

Ep. 158 Meditazione Satipatthana sugli impedimenti

Meditazione Satipatthana sugli impedimenti, osservare la loro presenza, usare la consapevolezza per contrastarli e liberare la mente

Questa Meditazione Satipatthana sugli impedimenti è la quinta di una serie di sette meditazioni basate sul Satipatthana Sutta, “I Quattro Fondamenti della Consapevolezza”, il sutta più completo rispetto alle tecniche di meditazione insegnate dal Buddha.

La Meditazione riprende i passaggi della meditazione Satipatthana sulla mente, per poi osservare le cinque tipologie di impedimenti, in Pāli: pañca nīvaraṇāni:

  • desideri sensuali;
  • rabbia;
  • indolenza e torpore;
  • preoccupazione e agitazione;
  • dubbio.

La meditazione invita ad osservare la presenza o l’assenza di ognuno di questi stati mentali considerati ostacolo e impedimento per la meditazione e la pratica spirituale; nel caso in cui siamo presenti, possiamo osservare come si sia presentato, quali siano state le condizioni che hanno fatto sì che sorgesse, quali possono essere le condizioni affinché smetta di essere presente in questo momento e quali siano quelle condizioni che possono impedire il suo presentarsi di nuovo in futuro.

Spesso la semplice osservazione permette di risolvere, lasciar andare, la presenza degli impedimenti. In caso non sia così, possiamo adottare queste strategie:

IMPEDIMENTOSTRATEGIA
Desiderio sensualePortare l’attenzione sulla natura impermanente delle sensazioni piacevoli
Contemplazione delle parti anatomiche, attitudine di non attaccamento
RabbiaPortare l’attenzione sulla natura impermanente delle sensazioni spiacevoli
Contemplazione degli elementi, far sorgere la percezione del vuoto, ridurre il sé
Indolenza e torporePortare l’attenzione al piacere sottile del momento presente, bilanciamento
Contemplazione della morte, con attenzione all’inspirazione, osservare che potrebbe essere l’ultimo respiro
Agitazione e preoccupazionePortare l’attenzione al piacere sottile del momento presente, bilanciamento
Contemplazione della morte, con attenzione all’espirazione, osservare e lasciar andare
DubbioInvestigazione dopo la meditazione
Se c’è dubbio sulla pratica, provare diversi modi di affrontare il dubbio, aumentare la confidenza in sé stessi

Si potrà così sviluppare la mente senza impedimenti, libera e serena.

Buona pratica!

Referenze

Bhikkhu Analayo, da cui abbiamo preso le istruzioni per questa meditazione Satipatthana sulla morte, ha scritto numerosi testi sul Satipatthana Sutta. Consiglio in particolare “SATIPAṬṬHĀNA il cammino diretto” disponibile gratuitamente in traduzione italiana sul sito del Monastero Santacittarama, e il recente “Satipatthana Meditation: A Practice Guide“, in lingua inglese.

Meditazione Satipatthana sulle sensazioni registrata nel gruppo di meditazione di Terrapura il 17 settembre 2021.

Foto di copertina di Niek Verlaan 

Ti potrebbe interessare…

Pin It on Pinterest

Share This