corpo respiro coscienza

Ep. 165 Meditazione sul corpo, il respiro e la coscienza

Meditazione sul corpo, il respiro e la coscienza. Trovare la calma del corpo, vivere il processo del respiro, la calma della coscienza

16 Ottobre 2021

Questa meditazione sul corpo, il respiro e la coscienza è stata insegnata da Ajahn Amaro, abate del Monastero Theravada della Foresta di Amaravati, in Inghilterra. Ci permette di stabilizzarci nel corpo, trovare il flusso del respiro, assaporare la pace della coscienza. Grazie ad Ajahn Amaro per questa bella meditazione!

Meditazione sul corpo, il respiro e la coscienza

Traduzione dal libro di Ajahn Amaro, “Finding the missing peace”, disponibile sul sito del Monastero Amaravati.

Inizio della meditazione

Inizia a stabilizzarti nella tua postura e chiudi delicatamente gli occhi. Porta l’attenzione nella colonna vertebrale. Senti come stai tenendo il corpo.

All’inizio, non cercare di fare nulla di speciale. Lascia che il corpo si sieda come vuole e nota per un momento come stai tenendo il tuo corpo

Il corpo

Percepisci il corpo nello spazio della tua consapevolezza. Nel campo o spazio della conoscenza, della consapevolezza, il gruppo di percezioni qui nel mezzo è chiamato corpo. Senti la colonna vertebrale in particolare. Mentre mantieni il corpo in quella consapevolezza, lascia che la colonna vertebrale cresca verso l’alto; lascialo allungare, raggiungi il cielo. Cerca di non essere teso o rigido. Lascia che il corpo cresca fermo e dritto, come lo stelo di un fiore che si protende verso il sole.

Nota come il movimento e la quiete diventano evidenti. Nota le qualità mentali di fermezza e rilassamento, vedi come queste supportano il tuo senso di risoluzione e il tuo senso di adattabilità. È anche molto utile stabilire queste stesse qualità all’interno del corpo. Nota come la colonna vertebrale eretta – sedersi in modo dignitoso – aiuta a portare prontezza ed energia al corpo. Tieni la colonna vertebrale come una colonna centrale e lascia che tutto il corpo si rilassi attorno alla colonna vertebrale… come una luce dolce e calda che scorre lungo tutto il corpo, ammorbidisce tutti i punti di tensione e tensione del viso… lo stomaco… le spalle… tutto l’essere fisico… il bacino… le gambe.

Osserva come il corpo si rilassa e si ammorbidisce intorno alla colonna vertebrale: è come un pezzo di stoffa morbida e bella drappeggiata sulla colonna centrale… comodo, privo di tensione, gentile. Bastano pochi minuti per stabilizzare il corpo in questa armonia di energia e relax. Trova il punto di equilibrio nel modo in cui ti siedi, nel modo in cui il corpo si regge.

Ora senti la presenza del corpo nello spazio della tua consapevolezza, lascia che questo gruppo di sensazioni sia proprio al centro. Senza allontanare i rumori della strada, i rumori della stanza, qualsiasi cosa al di fuori dell’esperienza del corpo, lasciali ai margini della consapevolezza, oltre i petali esterni di questo mandala. Basta prendere le sensazioni del corpo al centro e poi restringere lentamente l’attenzione, dal corpo nel suo insieme, al ritmo del respiro, proprio la sensazione del respiro. Non importa come il corpo respira: lungo o corto, profondo o superficiale, non importa. Lascia che il respiro avvenga da solo. Lascia che quel grappolo di sentimenti sia al centro di questo mandala dell’attenzione. Lascia che la mente, l’attenzione, si riposi su quel flusso gentile.

Quando ti fai prendere da qualcosa – l’attenzione è portata via, distratta da un pensiero o da un ricordo – appena ti accorgi che è avvenuta una distrazione, lasciati andare consapevolmente. Rilascia la presa della mente su qualunque cosa sia. È come se ti fossi aggirato fino ai bordi del mandala. Lascia andare tutto ciò che ti ha spinto là fuori. Torna di nuovo al centro, torna alla sensazione del respiro. Stabilizzare l’attenzione; stabilizzalo con il respiro.

Trova la tua strada. Forse il tuo vero compito è semplicemente sintonizzarti con il respiro. Osserva solo dove sei. Lavora con il respiro come lo trovi. Se la mente è molto occupata, lavoraci. Cerca solo di stabilire una connessione con il respiro. Se la mente è calma e l’attenzione è stabile, puoi essere un po’ più raffinato. Uno non è meglio dell’altro; è solo il materiale con cui devi lavorare al momento.

Silenzio nel respiro

Quando trovi che la tua concentrazione è più stabile, segui attentamente il respiro. Inizia a prestare particolare attenzione alla fine dell’espirazione e poi alla fine dell’inspirazione. Osserva quei punti di svolta, i momenti in cui il respiro si ferma. Non cercare di estenderli in modo innaturale… osservali soltanto. Lascia che la mente assista, assaporando la qualità della quiete, la pausa mentre il respiro gira. Vedi se riesci a sentire, anche solo per un momento, che stai toccando quella qualità di quiete interiore… quella pausa… toccando quella quiete innata dello spazio della mente.

Non importa quante volte la mente si lascia trasportare. La sua attenzione è infinitamente rinnovabile. Quando noti che ti sei distratto, rilascia tutto ciò a cui la mente si è aggrappata. Ritorna al centro – di nuovo al respiro – dolcemente, pazientemente. ti aggrappi; ti lasci andare; ricominci.

Osservare lo spazio nel respiro

Se trovi che la mente sia stabile, rilassa la concentrazione sul respiro. Immagina che il respiro sia come una barra orizzontale di luce nel vasto spazio della mente, con il completamento dell’inspirazione a un’estremità della barra e il completamento dell’espirazione all’altra… La tua attenzione è come un cursore che si muove dolcemente verso e lungo la barra di luce. Nota lo spazio intorno al respiro, lo spazio al suo interno… prima… dopo… che lo permea, proprio come un raggio di luce nello spazio. Ha una forma, una forma, un colore, un tono, ma non è solido. C’è spazio intorno, dentro, prima e dopo.

Rilassando la concentrazione sul respiro, vedi se riesci a cogliere un senso dell’immobilità innata o della spaziosità all’interno della quale il respiro si muove ns. Quindi estendi la tua attenzione per comprendere quella qualità di quiete. Vedi che non è solo presente quando il respiro si ferma alla fine di ogni ciclo, ma è come lo spazio nella stanza. Quello spazio è sempre qui, indipendentemente dal fatto che ci siano o meno persone nella stanza. C’è il movimento del respiro, ma anche lo spazio e la quiete, che sono l’ambiente in cui esiste.

Riposare nella Conoscenza Consapevole

Se la mente è abbastanza stabile, vedi se riesci a lasciare che il cuore riposi semplicemente in questa qualità di conoscenza. Puoi anche lasciar andare il respiro come un oggetto particolare. Basta stabilire questa consapevolezza aperta, ricettiva, che abbraccia. Nota i suoni o le sensazioni fisiche, il respiro, i pensieri, tutto ciò che sorge nello spazio della conoscenza, entra nella coscienza, appare, cambia, si dissolve. La qualità esterna, oggettiva dello spazio è rispecchiata dalla qualità interna o soggettiva del conoscere. Il cuore è aperto a tutte le cose, ricevendo tutte le cose, lasciando andare tutte le cose.

Se la mente è molto occupata, vagando qua e là, aggrappandosi a questo e quello, frustranti tentativi di ampia concentrazione, significa che le correnti stanno tirando, il vento sta soffiando e devi gettare l’ancora. Quindi mantieni l’attenzione focalizzata sul respiro; stabilizzare l’attenzione in questo modo.

Più facilmente la mente, l’attenzione, rimane radicata nel momento presente, più facilmente puoi aprirti a questa qualità di conoscenza pura, a questa consapevolezza dal cuore aperto, semplicemente ricevendo tutto… sapendo tutto. Tutti i suoni… i pensieri… le sensazioni fisiche… lasciarli entrare tutti… conoscerli… lasciarli andare tutti. Come se il cuore li inspirasse tutti, fosse rivitalizzato dall’atto del conoscere, e poi li espirasse tutti di nuovo.

Fine della meditazione

Riferimenti

Foto di copertina di Tsunami Green.

Meditazione sul corpo, il respiro e la coscienza registrata nel gruppo di meditazione di Terrapura il 15 ottobre 2021.

Ti potrebbe interessare…

Pin It on Pinterest

Share This