Ep. 80 Riflessioni di Dharma sui ruoli e i propositi

Riflessioni di Dharma sui ruoli e i propositi, sugli schemi di vita che assumiamo inconsapevolmente e su come lasciarli andare liberandoci

31 Dicembre 2020

Terrapura: Meditazione, Mindfulness, Buddhismo
Ep. 80 Riflessioni di Dharma sui ruoli e i propositi
/

Queste riflessioni di Dharma sui ruoli e i propositi chiudono gli incontri del gruppo di meditazione di Terrapura del 2020.

La fine dell’anno è spesso un momento in cui facciamo dei buoni propositi, aumentando le già alte aspettative sulla nostra vita. Queste aspettative sono intrecciate con i mille ruoli che ricopriamo, le innumerevoli maschere che scegliamo di portare o di riconoscere nelle parole degli altri.

Fissarsi rigidamente in un ruolo vuol dire credere che questo sia un fenomeno permanente, e non una semplice convenzione. Finiamo in questo modo a coltivare l’ignoranza e l’illusione, non riconoscere il cambiamento continuo di tutto ciò che è nato. Rimanere legati a un ruolo è anche l’effetto di tutte le azioni che abbiamo scelto, la risultanza di quella lunga catena di causa ed effetto che è il karma. Il problema è che sono processi così automatici che cominciamo ad agire secondo un ruolo senza nemmeno rifletterci, diventiamo attori sul palcoscenico senza avere però il piacere di sapere che stiamo recitando e, ancora più importante, la possibilità di scendere dal palco e liberarci di colpo del personaggio.

Ruoli e propositi
Quanti ruoli, quante maschere stiamo portando? Abbiamo bisogno di portarne altre ancora? Forse è arrivato il momento di riposarsi!

Un problema importante di assumere un ruolo, ad esempio quello di marito o moglie, di genitore o figlio, è che si inizierà a vedere l’altra persona in modo stereotipato, aspettandoci comportamenti standard e rispondendo con comportamenti altrettanto standard. Abbiamo così rinunciato alla possibili di vedere davvero, di toccare davvero l’altra persona, di riconoscere i suoi bisogni, le sue necessità e di rispondere con la piena fluidità e dinamicità di un comportamento ispirato dal Dharma. È questa la strada che porta a incomprensioni, liti, disagi. Lo stesso vale per le nostre aspettative di vita, in cui chi ci stiamo impedendo di vedere può essere proprio noi stessi.

Non che rinunciare alle aspettative voglia dire lasciarsi andare e vivere alla giornata. Come dice Ajahn Candasiri:

Quando si parla di svincolarsi da aspettative e valori mondani, o di prendere rifugio nel Dhamma, non significa che si debba rinunciare all’intelletto: significa che non gli si deve permettere di essere il nostro padrone. Possiamo continuare a fare progetti e ad usare in maniera intelligente il cervello che abbiamo, ma lo facciamo da un luogo di Dhamma piuttosto che da un luogo di paura e di desiderio; queste cose le lasciamo andare. Certo, questo richiede del tempo, non si può fare in un istante.

Ajahn Chandasiri, “Al di là delle aspirazioni e dei valori mondani”

Possiamo scegliere di vivere più liberamente lasciando andare il potere non controllato dei ruoli e dei propositi. Non dobbiamo commettere l’errore di pensare che in questo modo non ci siano per noi responsabilità, soltanto che queste nasceranno naturalmente dal nostro cuore, dove avremo coltivato le quattro qualità incommensurabili: la gentilezza amorevole, la compassione, la gioia compartecipe, l’equanimità. Il processo di liberazione, per essere armonico, deve andare di pari passo con queste qualità, altrimenti rischiamo di diventare aridi, non più in sintonia con tutto ciò che ci circonda.

Questo vuol dire che non rinunceremo ad essere un marito o una moglie, un genitore o un figlio, ma che non risponderemo a schemi fissi, non sempre adeguati al momento che si presenta, ma che avremo cura dell’altro, degli altri, entrandoci in contatto diretto. Non ci sarà più lo sforzo di adeguarci ad un modello, ma la libertà di aiutare e crescere insieme. Chi ci rende possibile questa magia è l’intenzione di lasciar andare le illusioni, la pratica della meditazione, la coltivazione di un’attenzione e consapevolezza costanti.

Riflessioni di Dharma sui ruoli e i propositi registrate nell’incontro del gruppo di meditazione il 30 dicembre 2020.

Puoi ascoltare una meditazione sull’assumere i ruoli nel podcast.

Photo by Nitish Kumar on Unsplash
Photo by Дмитрий Хрусталев-Григорьев on Unsplash

Ti potrebbe interessare…

Ep. 110 Riflessioni su samvega e pasāda

Ep. 110 Riflessioni su samvega e pasāda

Riflessioni su samvega e pasāda, l’urgenza spirituale e la serena confidenza che ci spingono a praticare sapendo che esiste una via d’uscita

Pin It on Pinterest

Share This